Domani al via la seconda edizione del Memoria Festival | Mirandola, 7-10 giugno giu06

Tags

Related Posts

Share This

Domani al via la seconda edizione del Memoria Festival | Mirandola, 7-10 giugno

Prende il via domani la seconda edizione del Memoria Festival:
a Mirandola dal 7 al 10 giugno si viaggia sul filo della memoria

Mirandola, 6 giugno 2018. Ci siamo: la seconda edizione del Memoria Festival è pronta a partire. Inizia domani, infatti, la manifestazione organizzata dal Consorzio per il Festival della Memoria in collaborazione con Giulio Einaudi editore e sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura, che dal 7 al 10 giugno animerà le piazze, le vie, i portici, i giardini e i palazzi di Mirandola, invitando il pubblico a lasciarsi coinvolgere nelle tante diverse attività proposte. Fra incontri, tavole rotonde, concerti, spettacoli, proiezioni, laboratori, mostre e giochi, il viaggio prende il via domani alle 16, nella Tenda della Memoria, con l’Inaugurazione del Memoria Festival: intervengono il Sindaco di Mirandola Maino Benatti e il Presidente del Consorzio per il Festival della Memoria Giuliano Albarani, seguiti dal saluto del Presidente del Centro per il libro e la lettura Romano Montroni.

In continuità con la prima edizione, torna la struttura dei cerchi tematici, ognuno dedicato a un aspetto, un’interpretazione, una suggestione scaturita dalla memoria. Per raccontare ed estendere progressivamente il raggio d’azione delle conversazioni, il programma è articolato in 8 cerchi: I. Pico e oltre; II. Storia e memoria; III. Mnemosyne; IV. Memoria, scienza e medicina; V. Dialoghi; VI. Viva voce; VII. Una lezione; VIII. Territori. A questi si affiancano 4 sezioni del programma dedicate a Cinema, televisione e memoria, La memoria in musica e teatro, Mostre, Giochi, laboratori e divertimenti di memoria. Fra i numerosi ospiti attesi: Ramin Bahrami, Stefano Bartezzaghi, Federico Buffa, Massimo Cacciari, Gian Carlo Caselli, Mauro Corona, Ferruccio de Bortoli, Diego De Silva, Donatella Di Pietrantonio, Oscar Farinetti, Piero Fassino, Giovanni Maria Flick, Anna Galiena, Dori Ghezzi, Paolo Giordano, Luciana Littizzetto, Carlo Lucarelli, Sergio Luzzatto, Andrea Marcolongo, Alberto Melloni, Nicola Piovani, Giorgio Vallortigara, Milena Vukotic, Gustavo Zagrebelsky

Gli appuntamenti del primo giorno: incontri, spettacoli e proiezioni

Si comincia con due momenti di riflessione che uniscono attualità e storia: Gustavo Zagrebelsky illustra quali sono e come sono cambiate Le immagini della giustizia (17, Tenda della Memoria) e, alle 17.30 nel Cortile della Memoria, si discute di economia e ricerca della felicità con Bruno Cartosio che commenta il celebre discorso pronunciato da Robert Kennedy il 18 marzo 1968, “Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie”, letto da Fabrizio Falco. Alla stessa ora, nel Parco della Memoria, lo storico Alberto Melloni fa rivivere per il pubblico la figura complessa e affascinante di un prete fuori dagli schemi, In santità ostinata e contraria. Don Zeno e i “matti di Dio”, mentre alle 18.30 nella Tenda della Memoria l’appuntamento è con Carlo Lucarelli per un itinerario sul filo della suspense tra Memoria e noir e, ancora alle 18.30 ma nel Giardino di Pico, Walter Barberis guida alla riflessione su cosa sia e come affrontare La falsa testimonianza della Shoah. Si torna alla giurisprudenza insieme al magistrato Gian Carlo Caselli che, in dialogo con Gian Paolo Maini, si interroga sul delicato e necessario rapporto tra Memoria e verità.

La prima serata del Festival è ricca di suggestioni: subito la tradizione artistica, con Franco Bacchelli, Marco Bertozzi, Maurizio Bonora e Giovanni Sassu che descrivono e commentano Lo studiolo di Giovan Francesco I Pico nel Castello di Mirandola e le perdute tavole di Cosmè Tura (21.30, Cortile della Memoria), per poi proseguire con un focus sull’attualità, veloce e sfuggente, che sembra non avere il tempo di ricordare nulla: ne discute il giornalista Francesco Merlo, a proposito della Memoria dell’informazione (21.30, Gazebo degli Archi). La memoria del gusto è invece al centro del dialogo tra Oscar Farinetti e Marino Niola (21.30, Tenda della Memoria), che ripercorrono la storia di alcuni sapori e il loro rapporto con la società e il costume, mentre il monologo dell’attore e formatore Enzo Valeri Peruta Paradiso buio. Cent’anni di passione dello spettatore cinematografico (21.30, Parco della Memoria) evoca altri ricordi, quelli della magia tipica dell’oscurità nelle sale dei cinema, fondamentale per immergersi nelle storie. L’intreccio di passione e destino è il cuore delle Memorie musicali. Come Bach mi ha salvato la vita (22, Arena della Musica; con il sostegno di Bbraun): Ramin Bahrami, uno dei più talentuosi pianisti internazionali, dialoga al suo strumento insieme al critico Sandro Cappelletto, raccontando come l’amore per Bach lo abbia guidato lontano dalla guerra. Infine, per calare il sipario sulla prima giornata di Memoria Festival, appuntamento alle 23 al Parco della Memoria per la prima delle proiezioni in calendario: il film L’atalante di Jean Vigo (in collaborazione con la Cineteca di Bologna), una storia d’amore, fuga e ritorno, che scivola silenziosa su un battello, risalendo il fiume.

Giocare con la memoria

Fra i numerosi incontri del Festival, diverse attività sono dedicate ai più giovani: domani alle 17 nello Spazio giochi di memoria in Piazza della Costituente, bambini e ragazzi possono dedicarsi alle Attività a tavolino, giochi da tavolo, narrazioni e ai Laboratori: Costruiamo i giochi di una volta (in collaborazione con Gulliver) oppure cimentarsi con i Giochi di giovani nel tempo: qui si allena la memoria! (in collaborazione con Asdam). E in serata alle 20.30 nella galleria La Fenice si lancia la sfida di Un esercizio di memoria: Galà degli scacchi (a cura dell’associazione dilettantistica scacchistica Giambattista Lolli di Cavezzo), mentre alle 21 nello Spazio giochi, racconti e laboratori, ecco il Memory Food. Il grande gioco della memoria sulla nostra tradizione alimentare (in collaborazione con Cir Food).

L’organizzazione del Memoria Festival si avvale della collaborazione di un comitato scientifico, presieduto dal direttore editoriale di Einaudi Ernesto Franco (letteratura) e composto da Lina Bolzoni (filosofia, arte della memoria), Gian Piero Brunetta (cinema), Sandro Cappelletto (musica, teatro e spettacolo), Francesco Dal Co (architettura, urbanistica), Alberto Melloni (storia, religione), Marino Niola (antropologia, tradizione enogastronomica) e Alberto Oliverio (medicina, biologia).

Promosso e organizzato dal Consorzio del Festival della Memoria (composto da Comune di Mirandola, Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, Coldiretti Modena, San Felice 1893 Banca Popolare, Cpl Concordia Soc. Coop, Egicon srl, Autocarozzeria Imperiale srl, Lions Club Mirandola, Rotary Club Mirandola, Anna Maria Gambuzzi, Giovanna Recchi), in collaborazione con Giulio Einaudi editore, sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura e con il patrocinio di Regione Emilia Romagna, Istituto Beni Culturali, Artistici e Naturali Regione Emilia Romagna, Energie diffuse. Emilia-Romagna un patrimonio di culture e umanità, la Provincia di Modena, l’Unione Comuni Modenesi Area Nord, AUSL Emilia Romagna, Confindustria Emilia Area Centro, Assolombarda, Assobiomedica, Aster, Alisei, Cluster Lombardo Scienze della Vita, Manageritalia Emilia Romagna, Alma Mater Studiorum Università di Bologna.
Il Memoria Festival è realizzato con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, CPL Concordia Group e Intesa Sanpaolo.
Inoltre è supportato da: Coop Alleanza 3.0, Baxter, Cima spa, Bellco is now part of Medtronic, B.Braun Avitum Italy, Sidam, LivaNova, Haemotronic, Fresenius Hemocare Italia Srl, Tecna, Aimag spa, Redax, Encaplast, Sterigenics, AeC costruzioni Srl, Assicoop Modena e Ferrara Spa UnipolSai, Alkimia, Menù srl, Franco Grazi, Lean srl, Teco, Associazione Enea Grilli, Mec Palmieri, Acetificio Mengazzoli. Cui si aggiunge una rete di sponsor tecnici: Centro Internazionale di Cultura “Giovanni Pico della Mirandola”, Consulta del Volontariato, Trasporto Passeggeri Emilia Romagna Spa, Consorzio della Bonifica Burana, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, Franzini, Garden Vivai Morselli, Kina, Gulliver Cooperativa Sociale, Cir Food, Amemì, Asdam, Beboservice, La Fenice Libreria, La Fenice, Martina per L’Infanzia, Pederzoli Studio Associato, Zanussi Professional. Sono media partner Radio Pico e Trc tv.

 

www.memoriafestival.it
Facebook @MemoriaFestival
Twitter @memoriafest
Instagram @memoriafestival
#MemoriaFestival