Sabato 14 ottobre la cerimonia del Premio Pico della Mirandola 2017 set18

Tags

Related Posts

Share This

Sabato 14 ottobre la cerimonia del Premio Pico della Mirandola 2017

Ingegno, pensiero e tenacia al servizio dell’innovazione per migliorare le condizioni di vita dell’essere umano: questi  i valori che da sempre caratterizzano il Premio Pico della Mirandola, promosso e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola: la cerimonia di premiazione della XIV edizione è in programma sabato 14 ottobre alle ore 10 presso l’Auditorium Rita Levi Montalcini di Mirandola (ingresso fino ad esaurimento posti; il pubblico può fare richiesta di accredito alla Fondazione: tel. 0535 27954; info@fondazionecrmir.it). I vincitori riceveranno la riproduzione in oro, su scala, di un busto di Giovanni Pico della Mirandola. La consegna dei premi sarà accompagnata dalla tradizionale lettura delle laudationes da parte della giuria che sono particolarmente significative dei motivi alla base della scelta dei premiati.

Assegnato con cadenza biennale, a figure di spicco del mondo artistico, economico, culturale, imprenditoriale e sociale, da un prestigioso comitato scientifico formato da accademici, studiosi, manager e intellettuali di livello internazionale, il Premio Pico della Mirandola nasce nel 1989, cinque anni prima delle celebrazioni per il cinquecentesimo anniversario dalla morte del celebre umanista, ricordato per la sconfinata cultura e per le prodigiose capacità mnemoniche (a lui è ispirato il Memoria Festival, che si tiene a Mirandola ogni due anni).

Una caratteristica fondamentale del Premio Pico della Mirandola, nonché una delle ragioni del prestigio che gli è riconosciuto a livello nazionale e internazionale, è l’alto valore del suo comitato scientifico, che si occupa di selezionare e assegnare i riconoscimenti internazionali e nazionali. Presieduta prima da Paolo Savona e, dal 2004, da Rainer Masera (Preside della Facoltà di Economia, Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma), la giuria è composta da: Anna Costanza Baldry (Professore di Psicologia Sociale, Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana), Francesco Capriglione (Professore Ordinario di Diritto dell’Economia, Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma), Gino Gandolfi (Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari Università degli Studi di Parma), Cesare Imbriani (Direttore del Centro di Ricerca di Innovazione ed Economia Applicata – Unitelma – Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), Adriano Maestri (Presidente di Cariromagna – Gruppo Intesa Sanpaolo), Giuseppe Morbidelli (Professore Ordinario di Diritto Amministrativo nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “La Sapienza”, Presidente di Banca CR Firenze Spa), Luigi Paganetto (Presidente della Fondazione Universitaria Economia Tor Vergata – F.U.E.T.) e Valeria Sannucci (Membro del Direttorio e Vice Direttrice  Generale della Banca d’Italia).

ALCUNI PREMIATI DELLE PRECEDENTI EDIZIONI

Dal 1989 il Premio Pico della Mirandola contribuisce a vivificare e attualizzare il genio del grande umanista, riconoscendo il lavoro di quelle personalità che hanno affrontato con lo stesso spirito un’epoca contemporanea soggetta a grandi cambiamenti: dal crollo del Muro di Berlino alla fine delle ideologie del Novecento, dalla globalizzazione alla rivoluzione digitale. Tra gli oltre quaranta vincitori premiati nel corso di quattordici edizioni, si distinguono figure di rilievo nel percorso di formazione dell’Unione Europea (Jacques Delors, Valery Giscard d’Estaing), premi Nobel per l’Economia (Edmund Phelps) e per la Pace (Rajendra Pachauri), presidenti della Repubblica (Carlo Azeglio Ciampi), economisti (Mario Draghi, Jean-Claude Trichet), scienziati (Margherita Hack), uomini di Chiesa (il cardinale Angelo Sodano), imprenditori (Wanda Miletti Ferragamo, Luca Cordero di Montezemolo, Sergio Marchionne, Vittorio Merloni, Franco Cosimo Panini), architetti (Massimiliano Fuksas), artisti (Fernando Botero, Luciano Ligabue, Riccardo Muti, Luciano Pavarotti).