Premio Strega

2003/2016

Il più importante premio letterario italiano, fondato a Roma in casa Bellonci nel 1947 su idea di Maria Bellonci e Guido Alberti, è assegnato a un libro di narrativa in prosa di autore italiano, pubblicato tra il 1 maggio dell’anno precedente ed il 30 aprile dell’anno in corso. Il Premio Strega venne battezzato dal nome del liquore prodotto dalla famiglia Alberti e, da allora, gli “Amici della domenica”, che oggi costituiscono un corpo elettorale di quattrocento persone diversamente inserite nella cultura italiana, si riuniscono ogni anno per scegliere in due successive votazioni il libro di narrativa cui assegnare l’ambito riconoscimento.
I vincitori dal 2003: Melania G. Mazzucco Vita (Rizzoli), Ugo Riccarelli Il dolore perfetto (Mondadori), Maurizio Maggiani Il viaggiatore notturno (Feltrinelli), Sandro Veronesi Caos calmo (Bompiani), Niccolò Ammaniti Come Dio comanda (Mondadori), Paolo Giordano La solitudine dei numeri primi (Mondadori), Tiziano Scarpa Stabat Mater (Einaudi), Antonio Pennacchi Canale Mussolini (Mondadori), Edoardo Nesi Storia della mia gente (Bompiani), Alessandro Piperno Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi (Mondadori), Walter Siti Resistere non serve a niente (Rizzoli).
Comunicazione e ufficio stampa
www.premiostrega.it