IL PREMIO STREGA EUROPEO:  LA LETTERATURA TESTIMONE DELLA COMUNE APPARTENENZA ALL’EUROPA giu30

Tags

Related Posts

Share This

IL PREMIO STREGA EUROPEO: LA LETTERATURA TESTIMONE DELLA COMUNE APPARTENENZA ALL’EUROPA

La Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, la Casa delle Letterature, LETTERATURE Festival Internazionale di Roma e la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, promuovono la terza edizione del Premio Strega Europeo, nato nel 2014 in occasione del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’UE per diffondere la conoscenza di alcune delle voci più originali e profonde della narrativa contemporanea.

Come nelle precedenti edizioni, concorrono ad ottenere il premio, del valore di 3.000 Euro, cinque scrittori recentemente tradotti in Italia: cinque voci provenienti da aree linguistiche e culturali diverse che con le loro opere esplorano il significato e il sentimento dell’essere cittadini europei. Mai come in questa edizione, la loro rappresentanza simbolica di quel crogiolo storico e culturale che oggi chiamiamo Unione Europea diventa una testimonianza concreta e urgente. Per ribadire la nostra comune appartenenza a un’identità molteplice e ricca, rilanciando quello spirito d’intenti unitario che da quasi sessant’anni è rivolto al progresso intellettuale e materiale dei popoli del vecchio Continente. Per ridare forza attraverso la letteratura al sogno europeo.

Gli autori selezionati dalle direzioni della Fondazione Bellonci e di Casa delle Letterature sono:

  • Mircea Cărtărescu (Romania), Il corpo, a cura di B. Mazzoni, Voland 2015
    – Internationaler Literaturpreis – Haus der Kulturen der Welt, Spycher: Literaturpreis Leuk
  • Annie Ernaux (Francia), Gli anni, traduzione di L. Flabbi, L’orma 2015
    – Prix Marguerite-Duras, Prix François-Mauriac, Prix de la langue française
  • Kerry Hudson (Regno Unito, Scozia), Sete, traduzione di F. Aceto, Beat 2015
    – Prix Femina
  • Ricardo Menéndez Salmón (Spagna), Bambini nel tempo, traduzione di C. Tarolo, marcos y marcos 2015
    – Premio Las Américas
  • Ralf Rothmann (Germania), Morire in primavera, traduzione di R. Cravero, Neri Pozza 2016
    – Literaturpreis der Konrad-Adenauer-Stiftung, Friedrich-Hölderlin-Preis

Il Premio Strega Europeo sarà conferito da una giuria composta da oltre venti scrittori vincitori e finalisti del Premio Strega – Alessandro Barbero, Laura Bosio, Giuseppe Catozzella, Antonella Cilento, Giuseppe Conte, Maria Rosa Cutrufelli, Antonio Debenedetti, Ernesto Ferrero, Mario Fortunato, Nicola Lagioia, Melania G. Mazzucco, Edoardo Nesi, Valeria Parrella, Lorenzo Pavolini, Roberto Pazzi, Romana Petri, Sandra Petrignani, Francesco Piccolo, Marco Santagata, Antonio Scurati e Domenico Starnone – a cui si aggiungono Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Lucio Battistotti, consigliere della Commissione europea, Maria Ida Gaeta, direttore di Casa delle Letterature di Roma e del Festival Internazionale Letterature e Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci.

Martedì 5 luglio gli autori candidati saranno protagonisti alla Basilica di Massenzio di un appuntamento della XV edizione del LETTERATURE Festival Internazionale di Roma intitolato Memorabilia, in compagnia di William Finnegan, giornalista e scrittore del “New Yorker”, vincitore di numerosi premi per la sua attività di reporter: ciascuno leggerà un proprio testo inedito sul tema dell’edizione 2016 del Festival – memorie – per poi ascoltare il reading di Filippo Nigro, accompagnato al pianoforte da Enrico Pierannunzi. Al termine delle letture sarà proclamato il vincitore del Premio Strega Europeo e il Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea Beatrice Covassi consegnerà il Premio.