Tags

Related Posts

Share This

Febbraio al Circolo dei lettori

Amore, poesia, qualità, innovazione e sostenibilità ambientale: sono alcune delle parole chiave del mese di febbraio al Circolo dei lettori, con tanti appuntamenti che animeranno le sedi di Torino e Novara, negli spazi impreziositi dagli arredi Lago, partner del Circolo. Tra le decine di eventi in programma, ecco una mappa degli imperdibili.

Si parte domani, martedì 2, con Vito Mancuso, che discute di Dio e il suo destino (Garzanti) con Maurizio Ferraris, e si prosegue con il direttore artistico di X Factor Luca Tommassini, che in Fattore T (Mondadori) racconta la sua idea di talento. L’attualità è protagonista di USA 2016: le elezioni americane, spiegate bene con Francesco Costa, Giovanni Diamanti e Lorenzo Pregliasco (a cura di Youtrend). Mercoledì 3 Lucilla Schiaffino porta al Circolo Trame d’infanzia (Voland), un romanzo sul passato, tra legami familiari e bisogno di verità, con Massimo Gramellini. Sempre mercoledì 3 inaugura la rassegna Album García Lorca con lo spettacolo Corazón de plata a cura di Alma Flamenca. Il ciclo di incontri dedicato al poeta andaluso, a cura di Paolo Collo e José Manuel Martín Morán, prosegue con le lezioni di Bruno Arpaia (10 febbraio), Vincenzo Trione (17 febbraio), Marcello Fois (24 febbraio) e Valerio Magrelli (2 marzo). Giovedì 4 è la volta di Hakan Günday e il suo Ancóra (marcos y marcos, con Davide Ferraris). Lunedì 8 colleghi e amici festeggiano Maurizio Ferraris a sessant’anni dall’uscita di Ermeneutica, Estetica e Ontologia. A partire dal libro Maurizio Ferraris (il Mulino) e dal numero speciale della “Rivista di Estetica” Postille a Ferraris (Rosenberg & Sellier), mentre il direttore artistico del Teatro Regio di Torino Gastón Fournier-Facio ricorda Claudio Abbado con Ascoltare il silenzio (Il Saggiatore), insieme a Daniele Abbado, Luca Formenton e Giangiorgio Satragni. Mercoledì 10 arriva al Circolo Mariapia Veladiano con Una storia quasi perfetta (Guanda), in dialogo con Mario Marchetti e Lorenzo Mondo.

Tra le novità di febbraio, In nome dell’amore, un progetto di tre giorni e una notte di interventi d’autore sull’amore (a cura del Circolo dei lettori, da un’idea di Antonio Pascale) per raccontare le difficili e meravigliose declinazioni dei sentimenti in narrazioni multimediali fatte di parole, immagini, musica e arte. Ad alternarsi sul palco da venerdì 12 a domenica 14 saranno Marco Missiroli, Michela Murgia, Valeria Parrella, Francesco Piccolo, Matteo Caccia, Guido Catalano, Armando Massarenti e altri ancora.

Lunedì 15 Alice Basso, Bruno Gambarotta e Stefano Mauri si confrontano su Fare i libri: il mestiere e la passione, mentre martedì 16 è la volta di Antonietta Pastore (Mia amata Yuriko, Einaudi, con Anna Nadotti) e di Tito Faraci (La vita in generale, Feltrinelli, con Matteo Caccia). Mercoledì 17 arrivano Fausto Brizzi con Ho sposato una vegana (Einaudi; in collaborazione con EXKi) e Luca Pollini con Ribelli in discoteca (No Replay), in dialogo con Luca Beatrice e Gabriele Ferraris, mentre giovedì 18 Simone Arcagni discute di Visioni digitali (Einaudi) con Giulio Lughi e Paolo Manera.

Giovedì 18 prende il via anche Made In, un ciclo di tre serate, realizzate in collaborazione con Università di Torino, ESCP Europe e Politecnico di Torino e in partnership con Cantine Damilano, in programma tra febbraio e marzo con lo scopo di attuare una narrazione delle imprese italiane che tenga conto di parametri nuovi come qualità, sostenibilità ambientale e innovazione. Il primo appuntamento è dedicato al rapporto tra scienza e tecnologia assieme ad Antonio Calabrò, Sandro De Poli, Ermete Realacci, Chicco Testa e Giovanna Tinetti.

La giornata di sabato 20 è all’insegna della lettura ad alta voce, con il reading Ratatuja. Parole alla prova di e con Francesco Maino, e della musica, con E se la vita fosse una jam session? di Renzo Arbore (Rizzoli). Martedì 23 arriva al Circolo Alessandro Bertante (Gli ultimi ragazzi del secolo, Giunti) e va in scena THIS IS ENGLAND #5 Il condominio, James G. Ballard di e con Giuseppe Culicchia. Mercoledì 24 è la volta di Giuseppe Catozzella e del suo Il grande futuro (Feltrinelli), giovedì 25 della YouTuber Cleo Toms con la sua prima prova di narrativa (Le #piccolecose che amo di te, Rizzoli; in collaborazione con Debby Experience). L’innamoramento si può raccontare da una prospettiva interna? Lo fa Chiara Gamberale nel suo nuovo romanzo Adesso (Feltrinelli), al Circolo venerdì 26. Al centro di Il diavolo zoppo e il suo compare di Alessandra Necci (Marsilio) è invece la Storia, fra Ancien Régime e Restaurazione (lunedì 29, con Mario Baudino).

Fra i numerosi ospiti attesi al Circolo dei lettori a Novara ci sono Daria Colombo (mercoledì 3 con Alla nostra età, con la nostra bellezza, Rizzoli), Simone Arcagni (giovedì 11 con Visioni digitali, Einaudi), Giuseppe Culicchia (martedì 16 con il reading Arancia meccanica), Paola Gianotti (venerdì 19 con Sognando l’infinito, Piemme, per il ciclo Storie di sport) e Mimmo Candito (giovedì 25 con 55 vasche, Rizzoli).

A febbraio proseguono i laboratori e corsi per i più piccoli – Casa Rodari, a cura di Dario Benedetto e La Testa tra le storie – e per gli adulti – Imparare a stare al mondo e il Corso di editoria, curati rispettivamente da Leonardo Caffo e Valentina Fortichiari. Torna anche il consueto appuntamento con i gruppi di lettura, che fino a maggio coinvolgeranno il pubblico di tutte le età negli incontri Classici, Mensili (per letture tutto l’anno) e Flash (pillole di pagine), questi ultimi dedicati ai GRID, i Grandi Romanzi Italiani Dimenticati, con Mario Capello (giovedì 4 e 11 febbraio).